Il giovane è stato trovato in possesso di circa 6 grammi di cocaina, 0.55 grammi di marijuana e 180 euro in contanti. Il soggetto, dopo le formalità di rito è stato condotto a Cavadonna. I tutori dell’ordine hanno anche denunciato D.M.A. minorenne residente a Lentini, per guida senza patente poiché mai conseguita nonché per ricettazione e resistenza a Pubblico Ufficiale . I risultati nell’ambito del progetto “Trinacria” sono di 23 persone e 30 veicoli controllati. Militari della Stazione Carabinieri di Canicattini Bagni, nel corso della notte, impegnati in un servizio di perlustrazione in tutta la zona montana del territorio, hanno tratto in arresto ai domiciliari Giuseppe Gallo 43enne, già noto.

Il Tribunale dei Minori di Catania che ha emesso la condanna ha certo tenuto conto, nell’infliggere la pena, dell’età inferiore ai 18 anni di chi aveva compiuto il reato di violenza sessuale. Agenti delle Volanti della Questura di Siracusa nel pomeriggio di ieri, hanno denunciato P.G. 49enne , residente a Siracusa per il reato di lesioni e minacce nei confronti della sua ex moglie. – Generale Governale saluta Carabinieri Comando Provinciale.

Il giovane deve espiare una pena residua di 1 anno, 11 mesi e 10 giorni di reclusione per il reato di rapina perpetrata nel 2013. Un individuo, mascherato e vestito da Carnevale, alle ore 18,30 ha perpetrato una rapina ai danni di un esercizio commerciale sito in Piazza Dei Sofisti a Lentini. Il malvivente si è introdotto nel negozio e, dopo aver preso la cassa, si è dato alla fuga. La somma custodita nella cassa dovrebbe ammontare a circa 1.500,00 €.

Il conducente, alla vista dei militari, ha prima rallentato dando l’impressione di fermarsi per poi accelerare la corsa e tentare di fuggire. L’inseguimento scaturito è stato breve e concitato, alla fine i fuggitivi sono stati bloccati. I tre fermati, che ancora una volta inutilmente hanno cercato di opporsi al controllo, sono stati perquisiti e trovati in possesso di 1 busta di plastica contenente 600 grammi di hashish suddivisa in sei panetti, occultata nell’auto sotto il sedile anteriore lato passeggero. I militari hanno successivamente svolto perquisizioni domiciliari nell’abitazione dei soggetti ed hanno rinvenuto a casa del 44enne 3 dosi di marijuana e 2 di hashish. Gli arrestati sono stati posti ai domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria. Di Pachino, a seguito di indagini, ieri, hanno denunciato in stato di libertà V.S.

La https://nbc.co.th/bingo-billions-slot/ scena dello schiaffo già era stata notata dai militari dell’Arma in transito che, appena scesi dalla vettura, hanno raggiunto il somalo per identificarlo. Il personaggio, alla vista dei militari, ha iniziato a prenderli a calci, senza conseguenza alcuna, prima di essere definitivamente bloccato e condotto presso le camere di sicurezza del Comando di viale Tica in attesa del giudizio per direttissima. I Carabinieri hanno ricostruito che il comportamento dell’arrestato andava avanti da più di una settimana e che anche in altri locali della zona si era recato, sempre ubriaco, per ottenere soldi e consumare gratuitamente. Agenti della Polizia di Stato, in servizio alle Volanti della Questura di Siracusa, hanno arrestato Radouane LOULID 33enne marocchino, già noto alle forze dell’ordine, per il reato di furto aggravato. Il soggetto aveva asportato da un supermercato in via Algeri alcuni generi alimentari occultandoli all’interno dei propri vestiti, per un valore di circa 50,00 euro.

Agenti delle Volanti alle ore 04.15 circa, sono intervenuti in un esercizio commerciale di corso Gelone dove ignoti, utilizzando il metodo della “spaccata”, sono riusciti ad asportare svariati smartphone di valore non ancora quantificato. Sono in corso di esecuzione gli adempimenti nel territorio straniero per la successiva estradizione del catturato. Agenti della Polizia di Stato in servizio alla Squadra Mobile della Questura di Siracusa, a seguito di attività infoinvestigativa, hanno rinvenuto, in un appezzamento di terreno in via Don Luigi Sturzo, nascoste sotto una siepe, 2 pistole con relativo munizionamento avvolte in un panno di stoffa e protette da una busta in cellophane. Il colonnello Pedichizzi ha preso servizio a Palermo presso il Comando di Stato Maggiore con giurisdizione su tutti i comandi provinciali della Sicilia.

La vittima animata dalla forza della disperazione per aver subito negli anni continue aggressioni, vessazioni, minacce ed ingiurie, era riuscita ad avere il coraggio di narrare tutto ai Carabinieri. Il violento era stato posto agli arresti domiciliari presso l’abitazione di un familiare fino al giorno della convalida allorquando è stato scarcerato e contestualmente sottoposto alle citate misure coercitive. La momentanea riacquisita libertà avrebbe permesso,al personaggio nonostante i divieti imposti, di avvicinarsi più volte alla moglie.

Di Pachino, hanno eseguito un’ordinanza di sottoposizione alla misura cautelare degli arresti domiciliari nei riguardi di Mario Di Rosa 28enne, domiciliato a Pachino, già noto alle forze di polizia, per i reati di atti persecutori, tentato incendio e danneggiamento aggravato nei confronti di un educatore e della famiglia di quest’ultimo. L’ordinanza, disposta dal GIP del Tribunale di Siracusa, è l’atto finale di una complessa attività investigativa degli Agenti del Commissariato di P.S. Di Pachino coordinata dalla Procura della Repubblica di Siracusa. Di Rosa, nonostante la pregressa misura degli arresti domiciliari patita sempre per atti persecutori, a distanza di poco tempo dalla scarcerazione, è ritornato alle sue azioni delittuose nei confronti dell’educatore e della famiglia di quest’ultimo. I tutori dell’ordine hanno rilevato continui appostamenti ossessivi sotto casa della vittima, intimidazioni, il tentativo di incendio dell’abitazione, pedinamenti sfociati, recentemente, anche in aggressione fisica nei riguardi di un parente della persona offesa. Di Rosa, è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari col divieto di comunicazione con persone diverse da quelle che coabitano con lui.

  • Gli uomini della Squadra Mobile avendo ormai fondati motivi per pensare che i due fossero dei corrieri della droga, operavano un’accurata perquisizione dell’auto che consentiva di rinvenire, nella parte posteriore del mezzo, una struttura in metallo, camuffata sotto il paraurti, e chiusa con un lucchetto, con all’interno 13 chilogrammi di hashish.
  • I due funzionari di Polizia, prima del conferimento ufficiale dei rispettivi incarichi da parte del Questore, trascorreranno un breve periodo come “osservatori” presso ogni articolazione della Questura, in modo da conoscere le diverse realtà operative, tecniche ed amministrative che contraddistinguono le funzioni istituzionali della Polizia di Stato sul territorio della provincia.
  • Di seguito i link alle rispettive pagine di privacy policy.
  • Nella sezione “Cookies”, selezionare “Non consentire ai siti per memorizzare i dati” e di controllo “cookie di blocco e di terze parti i dati sito”, e quindi fare clic su OK.
  • Agenti delle Volanti alle ore 04.15 circa, sono intervenuti in un esercizio commerciale di corso Gelone dove ignoti, utilizzando il metodo della “spaccata”, sono riusciti ad asportare svariati smartphone di valore non ancora quantificato.

Uomini della Polizia di Stato, in servizio di volante, alle ore 20.45 circa di ieri, hanno denunciato in libertà, per oltraggio e minacce a Pubblico Ufficiale,A.C. 47enne, siracusano, il quale, sottoposto a controllo su strada, profferiva frasi oltraggiose e minacciose nei confronti degli Agenti. Figlio minore in lacrime telefona a CC per lite genitori. La lite in famiglia è stata segnalata dalla Centrale Operativa ai militari dell’Aliquota Radiomobile e della Stazione Carabinieri di Palazzolo Acreide il 23 settembre 2015, che sono intervenuti. Il figlio minore della coppia, in lacrime raccontava di una lite tra i genitori alla Centrale Operativa. I Carabinieri giunti prontamente sul posto hanno preso contatti con la signora, la quale ha riferito di avere avuto una lite con il marito dovuta ad incomprensioni familiari.

Di Augusta, hanno tratto in arresto ai domiciliari per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti Sebastiano TRIGLIO 23enne, Daniele NOE’ ILLUMINATO 18enne, ed un minore 17enne presso il C.P.A. di Catania in via R.Franchetti, tutti di Augusta. Gli Agenti hanno proceduto al controllo dei tre giovani summenzionati che viaggiavano a bordo di una autovettura. Il minore, durante il controllo, era seduto sul sedile posteriore del veicolo, ed ha tentato invano di disfarsi di 1 involucro in cellophan, contenente sostanza stupefacente, verosimilmente hashish, del peso di 100 grammi.

Militari della Stazione di Pachino ieri hanno tratto in arresto ai domiciliari, in flagranza di reato, per rapina impropria, Pasquale FALCO 32enne, già noto e sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Il soggetto, dopo aver forzato la portiera di un veicolo lasciato in sosta sulla pubblica via, è stato sorpreso dal proprietario subito dopo aver asportato dall’interno dell’auto alcuni effetti personali. Pasquale Falco, vistosi scoperto, al fine di garantirsi la fuga, ha minacciato il proprietario promettendogli di bruciargli la macchina se avesse parlato. La vittima prontamente ha allertato i Carabinieri che, grazie alla conoscenza del territorio ed al costante monitoraggio dei soggetti di interesse operativo, hanno immediatamente identificato in Pasquale Falco l’autore del reato bloccando alcuni minuti dopo i fatti proprio mentre era intento a recarsi in caserma per ottemperare all’obbligo di firma cui è attualmente sottoposto. L’arrestato al termine delle formalità di rito è stato tradotto presso la sua abitazione al regime degli arresti domiciliari in attesta della celebrazione del rito direttissimo presso il Tribunale di Siracusa. Estorsione, Carabinieri si presentano dopo riscossione pizzo con “cavallo di ritorno”, 1 in manette.